Selection de la langue : FR | ES | IT
Al Nagual

Luis AnsaAl Nagual, Luis Ansa, nostro amico. "Il mio incontro con Luis Ansa ha cambiato la mia vita". È così che potrebbero dire migliaia di persone attraverso l'Europa passando dagli Stati Uniti, il Messico, l'Argentina e l'Africa.


Mai, in ogni caso, ha lasciato indifferenti coloro che lo hanno avvicinato, che sia stato attraverso i primi libri che toccavano il sufismo, o quelli più conosciuti che raccontano un tratto della sua vita nel palmo degli sciamani: "Le sette penne dell'aquila", "Il segreto dell'aquila" e quelli venuti fuori dalla sua esperienza diretta presso i Nagual: "La notte degli sciamani" e "Il mistero del Nagual".

Pittore, laccatore, professore alla scuola d'arte del Louvre, scrittore, conferenziere, Luis Ansa per lunghi anni semina nel cuore di coloro che incontra e per colui che sa riceverla un'amicizia profonda. Un'amicizia semplice, franca, intera, forte e tenera allo stesso tempo, alla stessa immagine di ciò che egli è.

Creatore della Via del Sentire, egli la propone alla nostra vecchia Europa abituata a pensare, apre così a migliaia di persone le porte del vivente.

Come maestro, istruisce, informa i nostri cervelli malati di ignoranza su ciò che è la natura della nostra situazione umana alla quale egli ha dedicato la sua vita, offrendo questo miele raro, estratto dal cuore della spezia e donato da coloro che sono tutto amore.

Ciò che soprattutto dona alla nostra povera umanità pensante è il corpo. "La sensazione del corpo, un'emozione che contiene il sentire" che egli esplora come un artigiano. Uno scopritore di ciò che esiste nella materia, nascosta ai nostri occhi: la sensazione del corpo, l'anima del mondo, lo spirito del corpo, come lui lo nomina e il mondo sovrano contenuto nella materia.

Egli si avvicina ai grandi maestri sufi come Rumi, quelli della mistica cristiana: le donne beghine e in particolare Margherita Porete, maestro Eckart : « che il tuo dio sia sorto dalla tua sostanza».

Che sia presso i Sufi Naqsband, presso gli istruttori dei maestri, i maestri degli sciamani, i Nagual, (titoli di cui non sa cosa farsene), Luis Ansa opera durante la sua intera vita al fine di restaurare la parte nobile dell'essere umano, liberandola dalla sola versione filosofica, religiosa e psicologica in cui siamo rinchiusi.

In particolare, per la prima volta in questo pianeta, egli apre alla donna una via regale di conoscenza, a partire dal suo forte desiderio e dalla profonda necessità umana di dare la possibilità al femminile di nascere in questo mondo portando la propria parola al cuore di una via di conoscenza. Egli dona alla donna occidentale la misteriosa ruota della donna tolteca.

La Via del Sentire tocca così il cuore di numerose donne e uomini desiderosi di aprire in loro stessi un'altra umanità.

Creando la Via del Sentire, frutto dell'esperienza diretta con il corpo, Luis Ansa propone a noi occidentali "benpensanti" una profonda terapia, quella del sentire, abbassando considerevolmente la pressione del mentale che ci rende folli, folli di ragione.

Nel cuore della materia organica, egli ci ha senza sosta invitati a raggiungere il mondo della memoria, un mondo di esperienza e non di sapere, un mondo sensibile situato al di fuori del mentale.

Ridonando al corpo la sua posizione, senza pertanto negare il mentale, Luis Ansa non ha smesso di esortarci a nascere una seconda volta nel pieno cuore della vita del corpo e non solamente di quella dello spirito.

"Se la carne è stata causata dallo spirito è una meraviglia; ma se lo spirito è stato causato dal corpo è una meraviglia delle meraviglie. Ma io mi meraviglio di questo: come questa grande ricchezza abbia abitato questa povertà. » Gesù, vangelo di Tommaso.

Oggi, Luis Ansa è partito da questa terra, possa vivere in pace. Dio lo benedica.

Egli opera altrove presso i suoi, come Omar Ali Sha, in mondi vicinissimi, tanto vicini a noi, così come lui ama dire.

Il Nagual non scompare mai, egli plana come l'aquila nel cielo, vi incrocia alla curva di un cammino, di un'idea, danza con la pioggia, parla con il vento...

Infinita gratitudine a lui e profonda tenerezza al nostro amico Luis Ansa.